La via dello yoga è sottile e paradossale

La via dello yoga è sottile e paradossale

La via dello yoga è sottile e paradossale

La via dello yoga è al tempo stesso sottile e paradossale. E’ sottile perché si cade molto facilmente nella ricerca della pura prestazione fisica oppure si cade nel masochismo sottoponendosi a vere e proprie torture senza senso… E’ paradossale perché proprio ciò che vogliamo evitare è cruciale perché la pratica diventi significativa. Soffriamo per una tensione da qualche parte nel corpo o siamo irritati dall’incapacità di rimanere stabili in equilibrio su un piede, ci demoralizziamo se non riusciamo a tenere un respiro fluido e una mente stabile… Invece di stare dentro questo disagio, cerchiamo in ogni modo di evitarlo, pensiamo sia una debolezza da superare. Ma proprio osservando attentamente ciò che ci crea disagio vediamo la strada per progredire. E in questo modo lo yoga ci fa guadagnare in saggezza!
Serve determinazione, coraggio, molta delicatezza e soprattutto vero amore per se stessi. Perché stare nel disagio senza amore è solo masochismo.

Tratto da: Pema Chödrön, The Places That Scare You

Inviato dall’insegnamento di yoga, Gabriele Bonetti

  1. amore
  2. come si progredisce nello yoga
  3. disagio
  4. diventa cruciale la pratica
  5. evitare il dolore
  6. gentilezza
  7. il coraggio nella vita
  8. il disagio
  9. il masochsmo
  10. la pratica dello yoga
  11. la via dello yoga
  12. lo yoga
  13. si cade facilmente
  14. stare nel dolore dello yofa